ECOINCENTIVI

SOSTITUIRE GLI INFISSI PER RIVALUTARE GLI IMMOBILI CONVIENE!

Sono stati confermati nella legge di Stabilità 2016 i bonus ristrutturazione ed energia. Si applicherà la detrazione Irpef o Ires del 50% sulle spese sostenute per le ristrutturazioni edilizie, del 65% su interventi di efficientamento e riqualificazione energetica fino alla fine del 2016.

IN CHE COSA CONSISTE L’AGEVOLAZIONE DEL 65%

L’agevolazione consiste nel riconoscimento di detrazioni d’imposta nella misura del 65% delle spese sostenute, da ripartire in rate annuali (in 10 anni) di pari importo entro il limite massimo di detrazioni pari a 60.000 euro (65% di 92.307,69 euro).

CHI PUO' USUFRUIRNE?

Sono ammessi:
  • le persone fisiche, compresi gli esercenti arti e professioni;
  • i contribuenti che conseguono reddito d’impresa (persone fisiche, società di persone, società di capitali);
  • le associazioni tra professionisti;
  • gli enti pubblici e privati che non svolgono attività commerciale.
Tra le persone fisiche possono usufruire dell’agevolazione anche:
  • i titolari di un diritto reale sull’immobile;
  • i condomini, per gli interventi sulle parti comuni condominiali;
  • gli inquilini;
  • chi detiene l’immobile in comodato.

Attenzione:
Non possono usufruire dell’agevolazione le imprese di costruzione, ristrutturazione edilizia e vendita in caso di spese sostenute per interventi di riqualificazione energetica su immobili merce.

MODALITà DI TRASMISSIONE

La trasmissione deve avvenire entro 90 giorni dalla fine dei lavori esclusivamente per via telematica attraverso il sito:
www.acs.enea.it, ottenendo la ricevuta informatica.

L’indirizzo presso cui inviare la documentazione è:

ENEA – dipartimento ambiente – cambiamenti globali e sviluppo sostenibile
Via Anguillarese 301 – 00123 Santa Maria di Galeria (Roma)

Va indicato il riferimento:
DETRAZIONI FISCALI – RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA

CERTIFICAZIONE NECESSARIA

Per fruire dell’agevolazione fiscale sulle spese energetiche sono necessari i seguenti documenti:
  • l’asseverazione può essere sostituita da una certificazione dei produttori;
  • la scheda informativa relativa agli interventi realizzati (può essere rilasciata solo da tecnici abilitati alla progettazione di edifici);
  • attestazione di corrispondenza dell’intervento ai requisiti indicati dalla legge.

Quest’ultimo documento può essere rilasciato solo da tecnici abilitati alla progettazione di edifici. Per le spese effettuate dal 1° gennaio 2008, per la sostituzione di finestre in singole unità immobiliari, non occorre più presentare l’attestato di certificazione energetica (o di qualificazione energetica).

MODALITÀ DI TRASMISSIONE

La trasmissione deve avvenire entro 90 giorni dalla fine dei lavori esclusivamente per via telematica attraverso il sito: www.acs.enea.it, ottenendo la ricevuta informatica.

come effettuare i pagamenti

Le modalità per effettuare i pagamenti variano a seconda che il soggetto sia titolare o meno di reddito d’impresa.
In particolare è previsto che:
i contribuenti, non titolari di reddito d’impresa, devono effettuare il pagamento delle spese sostenute mediante bonifico bancario o postale.

In esso vanno indicati:

  • la causale del versamento;
  • il codice fiscale del beneficiario della detrazione;
  • il numero di partita IVA o il codice fiscale del soggetto a favore del quale è effettuato il bonifico.

I contribuenti titolari di reddito d’impresa sono invece esonerati dall’obbligo di pagamento mediante bonifico bancario o postale. In tal caso, la prova delle spese può essere costituita da idonea documentazione.

LE ZONE CLIMATICHE E I LIMITI DI TRASMITTANZA TERMICA (Uw) D’ITALIA

L’Italia, in base al DPR 412/93, è divisa in sei zone climatiche, denominate con le lettere A, B, C, D, E, F, in funzione del consumo energetico necessario per mantenere la temperatura di confort all’interno dell’edificio, che è fissato a 20°C. Ogni comune appartiene a una zona climatica, indipendentemente dalla regione di appartenenza; nel Lazio, ad esempio, Roma appartiene a una zona (zona D) diversa da Frosinone e Rieti (zona E) a causa del suo clima più mite. Il parametro utilizzato per differenziare le fasce climatiche è il grado giorno (GG), il cui valore numerico rappresenta la somma, [one_third]estesa a tutti i giorni di un periodo annuale convenzionale, delle sole differenze positive (o negative) giornaliere tra la temperatura convenzionale (20 °C) e la temperatura media esterna giornaliera.

La zona A necessita di minori quantità di energia, la zona F di maggiori quantità.

©2018 Rossa Serramenti in Legno. tutti i diritti riservati. Via C. Rotta, 3 - Zona Industriale - 10060 PANCALIERI (TO)
Tel. 011.9711770 - Fax 011.9725169 | www.rossaserramenti.it - info@rossaserramenti.it